Conosciamoci meglio: intervista con Serena B.

Avete incontrato gli insegnanti della scuola ABC durante le lezioni e il personale in segreteria, però fino a che punto li conoscete?

Questa settimana, parliamo con Serena B a proposito della sua esperienza alla scuola ABC, quali sono le sue esperienze precedenti e inoltre che cosa preferisce fare nel suo tempo libero.

 

Perché hai scelto di insegnare italiano?

Ho scelto di insegnare italiano perché posso mettere insieme tutto quello che mi piace fare. Insegnare qui, non è il primo lavoro che ho fatto nella mia vita. Ho anche una buona conoscenza delle lingue straniere, ho imparato all’Università inglese, tedesco e francese. Tutte le mie esperienze mi aiutano in questo lavoro!

serena 2

Ma dimmi Serena, che cosa hai fatto prima di essere insegnante?

Dopo l’università e il mio dottorato, ho lavorato come ricercatrice storica per 5 anni, e con il mio amore per la storia e l’arte, sono diventata guida turistica. Come ti ho detto prima, tutto questo mi rende più facile il lavoro di insegnante soprattutto a Firenze, una città piena di cultura.

Quando hai cominciato a lavorare alla scuola ABC?

Ho cominciato nel 2009, quindi sono già passati 8 anni.

sere per blog

E perché ti piace lavorare qui?

Perché c’è veramente un ambiente favoloso alla scuola, che è molto raro. Vado d’accordo con tutti, dai miei colleghi alla direzione, agli studenti che vengono a scuola. Mi piace tanto la diversità delle nazionalità degli studenti. Insomma, non mi annoio mai!

Che cosa fai nel tuo tempo libero?

Soprattutto la musica, io suono la chitarra come alcuni di voi hanno sentito a scuola, ma canto anche in una band. Piacendomi l’arte, vado spesso ai musei che sono tanti a Firenze.

serena 1

Dov’è il tuo posto preferito in Italia?

A Firenze, direi che l'Oltrarno sia la mia zona preferita perché abbraccia lo spirito di Firenze che è ancora vivo.  

E la nostra ultima domanda, qual è la tua parola italiana preferita?

Mi piace il verbo ‘Arrangiarsi’ perché riflette proprio lo spirito degli italiani!

 

Grazie Serena! 

Jessica